Zona Monementale dei trulli "Principe di Piemonte", sito UNESCO - Cronografia di Alberobello - Iconografia e Venerazione dei santi Cosma e Damiano

sito ufficiale
ICONOGRAFIA E VENERAZIONE DEI SANTI MEDICI COSMA E DAMIANO
ICONOGRAFIA E VENERAZIONE DEI SANTI MEDICI COSMA E DAMIANO
ICONOGRAFIA E VENERAZIONE DEI SANTI MEDICI COSMA E DAMIANO
Vai ai contenuti

Zona Monementale dei trulli "Principe di Piemonte", sito UNESCO

I Monumenti
Questa zona di Alberobello, la più conosciuta nel mondo, oggi Patrimonio UNESCO, rappresenta l'emblema stessa di Alberobello. Sorge sulla collina a sud del paese, 
conta oltre 1300 trulli ed è intersecato da circa quindici strade. Tutta la zona è stata edificata sul fianco del colle a ridosso di largo Martellotta. 
La toponomastica di questo quartiere ha risentito molto dell'evoluzione del periodo post bellico '15-'18, per cui alle strade sono state assegnate i nomi delle montagne protagoniste del conflitto della Grande Guerra, per cui abbiamo: Via Monte Nero, Via Monte S. Marco, Via Monte S. Gabriele, Via Monte S. Michele, Via Monte Sabotino, Via Monte Santo, Via Monte Adamello, Via Cadore. Particolari risultano Via Monte Nero, Via Monte Pasubio, Via Monte S. Michele e Via Monte Sabotino, lungo le quali sorgono le abitazioni più antiche. A queste, in qualche caso, si affiancano camerini ottocenteschi a cotto, con calce, muniti di finestre e balconi che ne aumentano i volumi abitativi.

Risalgono al 1843 i “Regolamenti di polizia urbana e rurale” che proibivano agli alberobellesi di costruire a secco come finora si era praticato. Questa disposizione andava osservata in tutte le strade del paese, tranne nella strada Monti (nome usuale alberobellese del quartiere) che, essendo abitata da poveri, ne sarebbe stata esente. Questa particolare condizione di povertà e la norma citata hanno garantito la manutenzione e la sostanziale conservazione dell’intero tessuto urbano che, prima dell’abbandono definitivo della tecnica costruttiva tradizionale, contava almeno duemila trulli.

Con Regio decreto del 1910 l’intero rione fu dichiarato Monumento nazionale con la seguente motivazione: Il rione Monti , eccezionale per le sue costruzioni a trullo, non deve più oltre essere deturpato da costruzioni moderne che mutino la linea caratteristica del paesaggio, poiché ha importante interesse pubblico ed è quindi sottoposto alle disposizioni per la protezione delle antichità e belle arti. 

Nel 1923 il Consiglio Comunale deliberò di apporre una lapide sulla facciata di un’abitazione, sita all’inizio di Via Monte S. Gabriele, che ricordasse la visita di Umberto II e in suo onore nominò l’area Zona Monumentale Principe di Piemonte

Nel 1997 in occassione delle celebrazioni del bicentenario e del riconoscimento della zona da parte dell'UNESCO, patrimonio dell'Umanità, l'Amministrazione, presieduta dal sindaco Angelo Panarese ha voluto ricordare l'evento con una seconda lapide.
Torna ai contenuti