Il soldato Costantino - Cronografia di Alberobello - Iconografia e Venerazione dei santi Cosma e Damiano

Patroni di Alberobello
Patroni di Alberobello
Centro Studi Internazionali Pierre Julien
titolo del sito del comitato feste patronali di Alberobello
titolo del sito del comitato feste patronali di Alberobello
COMITATO FESTE PATRONALI ALBEROBELLO - SITO UFFICIALE
ICONOGRAFIA E VENERAZIONE DEI SANTI MEDICI COSMA E DAMIANO
Vai ai contenuti

Il soldato Costantino

n altro prodigio si verificò presso Laodicea della Frigia. Un buon soldato, Costantino, manifestamente devoto dei nostri santi, in casa e fuori di essa, si affidava alla loro protezione e recava con sé, nascoste, lo loro immagini: Eseguendo gli ordini del suo tribuno, tartì da Costantinopoli e giunse durante la spedizione militare a Laodicea, dove conobbe e sposò una donna molto bella, di cui si era perdutamente innamorato. Dopo alcuni giorni la sua bellezza si deturpò a causa di un grande ascesso sotto la guancia sinistra.

Lei, soffrendo indicibilmente, chiamava con insistenza il coniuge perché l'aiutasse in qualche modo a lenire il dolore. Impotente, il povero uomo le promise che l'avrebbe condotta nel proprio paese, dove avrebbe chiesto ai Santi Medici un unguento per curare il male e dove sarebbe sicuramente guarita. In preda all'ansia di partire e vinta ancora dal tormento, venne sopraffatta dal sonno.

Le si pararono innanzi, vestiti da medici, come li aveva visti pili volte raffigurati, due uomini splendenti nell'aspetto che la invitarono a non tormentare oltre il marito perché non c'era pili alcuna ragione di farlo e di non dubitare del suo ristabilimento.

Ella si svegliò di soprassalto e informò subito il consorte dei medici che le erano apparsi e seppe descriverli. All'uomo venne in mente di tirare fuori l'immagine eh' egli conservava e li mostrò alla moglie che confermò l'aspetto e le vesti dei due taumaturghi che le erano stati vicini durante la guarigione.











© Copyright www.santimedici.net 2014 -2018
Privacy Policy
Torna ai contenuti